Passa ai contenuti principali

Blogger (Google) - Associare un dominio personalizzato al proprio blog

 


La diffusione dei cosiddetti diari online i blog (termine che nasce dalla fusione di due parole Web e Log) è, ormai, cosa molto antica.

Prima della nascita dei Social (intorno al 2004-2005) come MySpace, Facebook, ecc, era uno dei modi molto diffusi di raccontare se stessi, oppure, come nel caso di questo blog, raccontare tecnologia, soprattutto l'How To qualcosa.


Blogger se non fu proprio il primo (la nascita risale al 23 agosto 1999 ad opera di Pyra Labs, comprato poi da Google nel 2003), si pone sicuramente tra i più antichi del settore

Nell'evoluzione del prodotto operato da Google (soprattutto con l'estensione di alcuni prodotti ad uso professionale della GSuite) anche Blogger si è aperto alla possibilità di poterlo inglobare sotto un proprio dominio personale differente da quello preimpostato.

Ad esempio il dicecca.net - Blog (abbastanza antico, essendo nato nel 2005 da essere veramente di due o tre ere geologiche internettiane fa....)  per molti anni ha avuto come dominio diceccadotnet.blogspot.com ancora attivo come redirector.

Solo negli ultimi giorni il sistema è passato da essere un sottodominio blogspot.com a sottodominio mio.


Come fare a rendere personalizzato il domino

Blogger (Google) consente di poter personalizzare il domino (nel nostro caso useremo dicecca.net)  in due modi:

- Comprarne uno sotto Google Domain

- Usare il proprio dominio, modificando i DNS del proprio dominio.

Se la prima diventa un'opzione interessante (alcune estensioni del TLD sono molto economici rispetto ad altri siti), sicuramente la seconda è quella che apre un mondo di possibilità.

La maggior parte delle persone che possiede un dominio, probabilmente, lo ha comprato in tempi differenti per scopi differenti.

Ma come è capitato a me, potrebbe aver deciso di modificare il proprio asset scorporando quello che potrebbe essere, ad esempio, un sito di E-Commerce (sul canonico WWW del dominio in questione) e quello del blog a parte, per comodità su Google Blogger.

Bene, avremo quindi due diversi domini, il canonico www.dominio.tld ed il sottodominio blog.dominio.tld


Andando in Impostazioni, nella parte amministrativa del Blog, avremo due sezioni Pubblicazione e HTTPS



Come si vede l'Indirizzo del Blog è quello canonico che ho scelto a suo tempo.

Cliccando su Dominio personalizzato possiamo inserire il dominio che vogliamo accoppiare al Blog.




A questo punto Google, se il dominio non è verificato dal sistema (quindi non è uno dei suoi), chiede di creare due domini nel pannello di controllo del register del dominio:

- il dominio che vogliamo usare (nel caso in questione blog.dicecca.net)

- uno di controllo per verificare il dominio (la stringa viene fornita dal sistema).

Dobbiamo, quindi, creare due sottodomini

In molte occasioni abbiamo parlato di VirtualHost (sia per il The Matrix Machine Project che per Apache2 sotto CentOS 7 nei Server Aruba Cloud), dando spesso per scontato il discorso di inserire un Indirizzo IP numerico.

Qui useremo, invece un CName al posto dell'indirizzo IP classico





Quindi, ogni dominio che deve entrare sotto la "giurisdizione" di blogspot (ad esempio, come riportato in questa immagine, blog.dicecca.net e sindone.dicecca.netha per CName ghs.google.com.

Quando si fa per la prima volta l'associazione di un dominio non gestito da Google direttamente (il nostro è sotto Aruba.it, in questo caso specifico) blogspot darà una stringa (ultima riga) ed un dominio da inserire nel CName per verificare il dominio.

ATTENZIONE: l'attivazione di questo servizio non è immediato!!!

Infatti la propagazione su internet (inteso come infrastruttura non come web) del/dei nuovi domini richiede un tempo che varia da 10 minuti a un'ora circa.

Non solo, tempo ulteriore serve anche per la generazione delle chiavi SSL (https) 

Diciamo che il capo ad una serata possiamo avere il nostro dominio personalizzato sul blog che abbiamo costruito su blogger.

Ma i preferiti che gli internauti hanno registrato?

Se un utente ha registrato un preferito del tipo: 

http://diceccadotnet.blogspot.com/2009/02/mac-os-x-screen-shot-su-imac.html

articolo risalente al 2009, quindi senza ssl e sul vecchio indirizzo, questo viene automaticamente riconvertito sul sito nuovo

https://blog.dicecca.net/2009/02/mac-os-x-screen-shot-su-imac.html


Commenti

Post più popolari

Mac OS X - Installare ed usare una stampante sul Print Server GetNet 3 Port 2 USB e 1 LPT

Abbiamo visto come installare il Print Server GetNet 3 in 1 sui più diffusi sistemi operativi Windows (vedi articoli correlati in fondo al post). La "scatoletta" ha anche un protocollo di comunicazione Apple Talk, quindi può essere collegata (fare da tramite) anche a stampanti che abbiano la gestione post script integrata (quasi tutte le stampanti salvo quelle del gruppo Ricoh che hanno bisogno di un apposito moduol installato) sul Mac. Print Server GetNet 1 Parallela e 2 USB Il metodo di installazione è molto simile a quello visto su Windows, con la differenza sostanziale che non è necessario scegliere tra moltissimi modelli, ma si gestisce in modo più semplice. Purtroppo sul Mac non è possibile (allo stato attuale) collegare print server di tipo TP-Link, ovvero replicatori di porta USB su Lan, in quanto non esiste un driver adatto. Detto questo, consideriamo la stampante che vogliamo collegare al Mac. Il caso che abbiamo usato nei precedenti post,

BlackBerry - Importare i dati da altri cellulari

English translated post Un amico mi porta un BlackBerry Pearl 8110 e mi chiede di trasferire i dati dal suo cellulare Nokia a questo telefono. Premesso che personalmente non ho mai reputato il BlackBerry un telefono "semplice", l'operazione si è reputata piuttosto complessa. Scartata l'idea di mandare i vcard via bluetooth (come si fa con quasi tutti i Nokia e Samsung), l'unica alternativa è quella di appoggiarsi a Microsoft Outlook !!! Come fare? 1 - Installare il Microsoft Outlook (XP o 2003) nel proprio PC 2 - Installare (nel caso specifico del Nokia) il programma Nokia PC Suite 3 - Sincronizzare solo la Rubrica (ovviamente dipende sempre se il cellulare Nokia è il Vostro o di un Vostro amico) del Nokia con l'Outlook, così che tutti i dati presenti nella Rubrica siano copiati nella sezione Contatti dell'Outlook 4 - Scaricare l'ultima versione del BlackBerry Desktop Manager (se il pacchetto è quello Vodafone, la versione sul CD non è mo

Joomla! - Mettere la testata in Stampa

Come è noto Joomla! è uno dei più usati CMS (Content Managment System) che consente di avere un ambiente (environment) sul quale costruire e sviluppare siti e portali. Uno dei problemi più noti è quello di poter inserire la testata nel file da stampare. Ad esempio se il mio sito si chiama dicecca.net - Blog ed ha un logo particolare che voglio pubblicare come testata, nella conformazione classica, non posso farlo. Come risolvere? Premesso che tutto il sistema è scritto in linguaggio PHP, il file che viene chiamato in causa è component.php che si trova nella cartella /[sito (1)] /templates/system Il file ( che è possibile scaricare qui in formato testo ), alla riga 40 inizia il Body del testo. Alla riga 41 inizia l'inclusione del testo dell'articolo che si è deciso di stampare, che a sua volta viene aperto in una finestra popup. Dando un taso invio, dalla riga 41 è possibile inserire il riferimento ad una immagine e/o un formattato HTML della testata del nos