Passa ai contenuti principali

Windows 10/11 - Condividere una cartella in Rete non usando il proprio account personale


Quando si condivide una cartella in rete con Windows 10/11 si ha il grande problema, conseguenza della nuova struttura di condivisione SMB v2.0 introdotta tempo a dietro su Windows Vista/7, per arginare le problematiche di sicurezza che SMB v1.0 aveva, e per cui Windows XP fu incolpato (molto ingiustamente) di essere poco sicuro.

In buona sostanza, per accedere alle cartelle condivise su una rete (sia essa di ufficio o casalinga) è necessario dare le chiavi (login e password) per usare i dati.

Ovviamente sfido chiunque a dare le proprie credenziali al collega, al parente di turno per far accedere al proprio PC.


Un account Limitato

Una terza strada potrebbe essere quella di avere un account locale limitato sul PC che intende offrire la condivisione dei dati.

Quindi:

scrivendo o accennando ad account, nella barra della ricerca, abbiamo:



Clicchiamo su Gestisci il tuo account


Sulla parte destra compaiono i nostri dati, mentre sulla sinistra clicchiamo Famiglia ed altri utenti



A questo punto clicchiamo Aggiungi un altro utente a questo PC



In genere Windows 10/11 tendono in prima battuta ad accettare solo account Microsoft (in genere le famose caselle hotmail/outlook, ma anche account registrati sul sito con altre caselle tipo gmail.com)

Cliccando su Non ho le informazioni di accesso di questa persona, passiamo al passaggio successivo



Se non esiste si può creare, ma, visto che a noi interessa un account locale (usabile anche per altri collegamenti, ad esempio scannerizzazioni di stampanti multifunzioni professionali), quindi clicchiamo su

Aggiungi un utente senza account Microsoft



Diamo il nome utente e la password, ovviamente ricordandoci di dare le risposte (messe qui come risposta 1,2,3) e poi clicchiamo su Avanti


A questo punto abbiamo creato un nuovo utente locale che possiamo dichiarare alla controparte.


Applichiamo il nuovo account alla cartella che vogliamo condividere

Ora scegliamo il disco (eventuale) e la cartella che vogliamo condividere (probabilmente sarà una cartella che condivideremo nel quale abbiamo dati che vogliamo condividere con un utente.

Noi, per comodità creiamo una cartella da 0 e la condividiamo


Creiamo una cartella (sul Desktop, in Documenti, insomma dove credete opportuno) e chiamiamola ad esempio Condivisa

Sulla cartella appena creata, clicchiamo tasto destro del mouse e Proprietà e dopo Condivisione


Clicchiamo su Condividi


Scriviamo il nuovo utente che abbiamo inserito, Condivisa, e poi Aggiungi



Se necessario, clicchiamo su Lettura e selezioniamo Lettura/Scrittura, cosicché l'utente avrà la possibilità di poter caricare, eventualmente, dati nella cartella.



Clicchiamo su Condividi 

Potrebbe essere necessario del tempo, se presenti dei dati prima di avere la seguente schermata


Ora cliccando su Operazione completata, abbiamo chiuso la parte di condivisione



Cliccando su Chiudi abbiamo chiuso il percorso di condivisione


Ora da un altro PC possiamo accedere al nostro IP macchina (locale) per accedere ai dati condivisi

ATTENZIONE!!!

Se non si è fatto un discorso di pianificazione degli IP di una rete locale,  potremmo avere il problema di accedere al PC giusto.

Per la pianificazione degli IP locali, clicca qui, mentre, per conoscere il tuo indirizzo di macchina in questo momento, nella barra della ricerca scrivi cmd e poi invio, si aprirà il prompt dei comandi di Windows


Scriviamo al prompt, ipconfig e poi invio


Nel riquadro ci sono i dati della scheda di rete (può esservi più di una scheda, soprattutto se si usano macchine virtuali nel PC)

Indirizzo IPV4: 192.168.1.43

è il nostro indirizzo di macchina in questo momento.


Il test della connessione

A questo punto non resta che la prova del 9 con un altro PC.


Inserendo la Login: Condivisa e la password che abbiamo scelto, abbiamo



Su questa macchina abbiamo 3 condivisioni (vedremo dopo un caso interessante)


Clicchiamo su Condivisa


Troviamo un file passato, oppure sul quale potremmo lavorare su un altro computer

Avendo abilitato anche la scrittura sulla cartella, possiamo anche caricare dati dal nostro secondo PC


Ad ogni utente le sue cartelle

Due immagini fa abbiamo notato una cartella Cloud che fa parte del nostro PC, condivisa con la rete.

Se proviamo ad accedere con l'account che abbiamo creato ecco il risultato


Che cosa vuol dire, semplicemente questo: se avessimo passato la nostra password del PC sul quale abbiamo condiviso i dati, avremmo potuto far accedere alla persona terza a tutto il nostro computer, quindi ai dati che abbiamo sulla cartella Cloud.

Avendo scelto di condividere con l'utente Condivisa esclusivamente la cartella omonima, anche se fossero presenti 1000 cartelle, l'utente Condivisa può accedere solo ed esclusivamente a quella cartella ed eventuali sotto cartelle presenti (ereditarietà), con buona pace degli spioni...


Commenti

Post più popolari

Mac OS X - Installare ed usare una stampante sul Print Server GetNet 3 Port 2 USB e 1 LPT

Abbiamo visto come installare il Print Server GetNet 3 in 1 sui più diffusi sistemi operativi Windows (vedi articoli correlati in fondo al post). La "scatoletta" ha anche un protocollo di comunicazione Apple Talk, quindi può essere collegata (fare da tramite) anche a stampanti che abbiano la gestione post script integrata (quasi tutte le stampanti salvo quelle del gruppo Ricoh che hanno bisogno di un apposito moduol installato) sul Mac. Print Server GetNet 1 Parallela e 2 USB Il metodo di installazione è molto simile a quello visto su Windows, con la differenza sostanziale che non è necessario scegliere tra moltissimi modelli, ma si gestisce in modo più semplice. Purtroppo sul Mac non è possibile (allo stato attuale) collegare print server di tipo TP-Link, ovvero replicatori di porta USB su Lan, in quanto non esiste un driver adatto. Detto questo, consideriamo la stampante che vogliamo collegare al Mac. Il caso che abbiamo usato nei precedenti post,

BlackBerry - Importare i dati da altri cellulari

English translated post Un amico mi porta un BlackBerry Pearl 8110 e mi chiede di trasferire i dati dal suo cellulare Nokia a questo telefono. Premesso che personalmente non ho mai reputato il BlackBerry un telefono "semplice", l'operazione si è reputata piuttosto complessa. Scartata l'idea di mandare i vcard via bluetooth (come si fa con quasi tutti i Nokia e Samsung), l'unica alternativa è quella di appoggiarsi a Microsoft Outlook !!! Come fare? 1 - Installare il Microsoft Outlook (XP o 2003) nel proprio PC 2 - Installare (nel caso specifico del Nokia) il programma Nokia PC Suite 3 - Sincronizzare solo la Rubrica (ovviamente dipende sempre se il cellulare Nokia è il Vostro o di un Vostro amico) del Nokia con l'Outlook, così che tutti i dati presenti nella Rubrica siano copiati nella sezione Contatti dell'Outlook 4 - Scaricare l'ultima versione del BlackBerry Desktop Manager (se il pacchetto è quello Vodafone, la versione sul CD non è mo

Joomla! - Mettere la testata in Stampa

Come è noto Joomla! è uno dei più usati CMS (Content Managment System) che consente di avere un ambiente (environment) sul quale costruire e sviluppare siti e portali. Uno dei problemi più noti è quello di poter inserire la testata nel file da stampare. Ad esempio se il mio sito si chiama dicecca.net - Blog ed ha un logo particolare che voglio pubblicare come testata, nella conformazione classica, non posso farlo. Come risolvere? Premesso che tutto il sistema è scritto in linguaggio PHP, il file che viene chiamato in causa è component.php che si trova nella cartella /[sito (1)] /templates/system Il file ( che è possibile scaricare qui in formato testo ), alla riga 40 inizia il Body del testo. Alla riga 41 inizia l'inclusione del testo dell'articolo che si è deciso di stampare, che a sua volta viene aperto in una finestra popup. Dando un taso invio, dalla riga 41 è possibile inserire il riferimento ad una immagine e/o un formattato HTML della testata del nos