Passa ai contenuti principali

Clonezilla - L'arte di Ghostare due dischi con un programma Free



Nei due decenni scorsi (gli ultimi dell'anno 2000 e nei primi dell'anno 2010) il programma per clonare sistemi era Norton Ghost, che ho trattato in alcuni post anni fa.

Com'è noto a chi lavora costantemente con i sistemi operativi, Norton Ghost è rimasto fermo alla versione 15.0.1.36526 (24 novembre 2009), ovvero a più di un decennio fa e chi ha provato a fare delle clonazioni di sistema si sarà reso conto che Windows 10 e 11 non sono supportati

E' ovvio che nel corso del tempo Ghost è stato a sua volta "clonato" da altre aziende che hanno prodotto programmi simili, ma tra tanti prodotti a pagamento ci cui sicuramente il supporto è ciò che fa la differenza, ne esiste almeno uno che è gratuito e che funziona bene anche su Windows 10

Clonezilla, il programmino oggetto di questo post, è il programma che fa per noi


A che serve clonare un sistema?

Clonare (o ghostare) un sistema lo si fa per due prevalenti ragioni:

- il primo per avere una copia "funzionante" del nostro sistema installato come copia di backup nel caso in cui facciamo qualcosa che possa far saltare la macchina (prova di sistemi operativi, prova di programmi potenzialmente distruggi macchina, prove... in genere)

- in secondo luogo per avere una copia di ripristino del nostro PC (Linux, Windows, ecc...) già configurato come vogliamo per recuperarlo quando il nostro sistema potrebbe andare in crash serio, oppure, come il caso che andremo a vedere dopo, per copiare il nostro sistema su un disco più grande senza perdere dati e programmi installati.

Norton Ghost aveva questo di interessante, cioè poteva copiare un sistema da un disco, tendenzialmente più piccolo, ad uno più grande, aumentando proporzionalmente la grandezza del disco di destinazione


Creiamo la penna partente (o CD)

Clonezilla è un programma che funziona su Linux, ed è quindi opportuno creare un supporto partente per fare in modo che il nostro sistema possa essere utilizzato.

Nella clonazione si usa un sistema operativo terzo (generalmente uno partente da penna USB, CD/DVD), poiché durante la clonazione non ci devono essere strutture attive che possono inficiare l'operazione (ad esempio la memoria virtuale ecc.)

Quindi:

- Scarichiamo il file ISO di Clonezilla live dal sito, ovviamente la versione Stable (clicca qui)

A questo punto possiamo scegliere due strade o usare un CD (il file ISO è circa 350MB), oppure, più pratico usare una penna USB mediante il programma Rufus (clicca qui)

Masterizzare un CD è semplice, basta un programma qualsiasi anche il Free tipo Img Burn.


Rufus e la penna partente

Faccio una premessa fondamentale, più di tipo ideologico oltre che di tipo pratico: quando esiste un programma versione portable, quindi non installante con tutta la nota problematica del registro di confugurazione, portabilità ecc (vedi ad esempio Thuderbird), allora è più comodo la versione portable (fa parte della famosa cassetta degli attrezzi degli informatici 😎).

Quindi si scarica la versione portable dal sito

Fatto partire il programma, dobbiamo usare una penna USB (Scheda SD va anche bene) non troppo grande (paradossalmente basta anche una 512MB, caso che useremo)

A sto punto selezioniamo la scheda, selzioniamo il file ISO e facciamo partire (Avvia)



Comparirà la seguente schermata sovrapposta



Deve scrivere in modo DD, poiché a noi interessa la memoria partente


Dopo un avviso che i dati sul disco destinazione saranno distrutti, parte:


Una volta finito la nostra penna usb/scheda sd è pronta



Nota: Conviene una penna piccola che fa solo questo, poiché lo spazio usato è veramente poco


Come mostra Gestione Computer - > Disco di Windows (da cui è tratta l'immagine sopra)


Cloniamo il sistema con Clonezilla

A questo punto tutto è pronto per far partire Clonezilla

1 - Facciamo partire dalla penna USB/Scheda SD/CD il sistema con sopra il programma

Premessa: si usa solo la tastiera con le frecce ed Invio, non il mouse!!!

Alla fine del caricamento ci troveremo questa schermata


Diamo Invio alla prima opzione


2 - Dobbiamo scegliere la lingua con il quale ci vogliamo interfacciare e dovremmo scegliere la tastiera, montare quella italiana ecc.

Ma per quello che interessa noi, visto che non usiamo le accentate o altri caratteri speciali, possiamo anche soprassedere, diamo solo il programma in Italiano, visto che ci diventa più semplice seguire i passi e poi seguiamo le seguenti immagini.





3 - A questo punto facciamo partire il vero e proprio programma di Clonezilla


Come in Ghost, noi potevamo scegliere di salvare un disco su immagine (per archiviarla ad esempio), qui possiamo fare grossomodo la stessa cosa.

A noi, questo caso specifico (non si esclude un un caso su immagine in un altro post), per ora ci interessa solo da device-device, ovvero disco-disco, quindi scegliamo la seconda opzione


4 - In questa schermata (successiva) scegliamo la versione beginner, che è quella più comoda, visto  che noi dobbiamo solo clonare due dischi



6 - Come in Ghost dobbiamo selezionare i dischi sul quale fare le operazioni.

Va ricordato che in questo caso specifico, noi andremo a fare una clonazione di un disco su un altro, dove il secondo è più grande del primo e quindi sarà necessario fare in modo che il disco destinazione sia tutto pieno (si può usare sia internamente, che, come in questo caso, usare il disco destinazione su una scatoletta USB 3.0 o sup), vediamo come:



7 - Clonezilla consente anche di effettuare un'analisi del sistema on-fly e correggere eventuali problemi. Non è sbagliato, ma allo stato è sconsigliabile, quindi scegliamo la prima opzione


8 - A questo punto dobbiamo selezionare l'opzione di creare una tabella delle partizioni proporzionale al disco.

Se il nostro disco di partenza è "solo" un 500GB e quello di destinazione è 1000GB (ovvero 1TB), è ovvio che a noi interessa copiare su tutto il disco e non solo su una parte di esso.


9 - Ora non rimane che scegliere cosa fare alla fine del processo, ovvero se spegnere, riavviare (ognuno fa la scelta più opportuna)

Da notare che nelle immagini successive il sistema chiede (e con gentilezza) Sei Sicuro? per ben due volte, questo serve ad evitare che qualche distrazione possa fare danni incalcolabili







10 - A questo punto non si può fare più nulla ed il sistema è partito













A questo punto, dopo un tempo variabile tra le poche decine di minuti e qualche ora (dipende da come il sistema di clonezilla riconosce le porte USB se 3.x oppure 2.0), a questa schermata di sopra il sistema si riavviera 

Premere CTRL + C per annullare il conto alla rovescia


Il nuovo disco installato come partente



Ecco il nuovo disco da 1TB installato al posto di quello precedente


Come nel caso del TPM 2.0 e nel caso di aggiornamento da Windows 10 a Windows 11, potrebbe essere richiesto l'aggiornamento delle credenziali di accesso ad alcuni programmi, tipo Office 365, oppure della suite Adobe o altro




Ora possiamo usare il nostro nuovo disco con il sistema operativo senza la necessità di dover reinstallare di nuovo da 0 tutto.

Articoli di riferimento

Symantec Ghost - L'arte della Clonazione del disco


Commenti

Post più popolari

Mac OS X - Installare ed usare una stampante sul Print Server GetNet 3 Port 2 USB e 1 LPT

Abbiamo visto come installare il Print Server GetNet 3 in 1 sui più diffusi sistemi operativi Windows (vedi articoli correlati in fondo al post). La "scatoletta" ha anche un protocollo di comunicazione Apple Talk, quindi può essere collegata (fare da tramite) anche a stampanti che abbiano la gestione post script integrata (quasi tutte le stampanti salvo quelle del gruppo Ricoh che hanno bisogno di un apposito moduol installato) sul Mac. Print Server GetNet 1 Parallela e 2 USB Il metodo di installazione è molto simile a quello visto su Windows, con la differenza sostanziale che non è necessario scegliere tra moltissimi modelli, ma si gestisce in modo più semplice. Purtroppo sul Mac non è possibile (allo stato attuale) collegare print server di tipo TP-Link, ovvero replicatori di porta USB su Lan, in quanto non esiste un driver adatto. Detto questo, consideriamo la stampante che vogliamo collegare al Mac. Il caso che abbiamo usato nei precedenti post,

BlackBerry - Importare i dati da altri cellulari

English translated post Un amico mi porta un BlackBerry Pearl 8110 e mi chiede di trasferire i dati dal suo cellulare Nokia a questo telefono. Premesso che personalmente non ho mai reputato il BlackBerry un telefono "semplice", l'operazione si è reputata piuttosto complessa. Scartata l'idea di mandare i vcard via bluetooth (come si fa con quasi tutti i Nokia e Samsung), l'unica alternativa è quella di appoggiarsi a Microsoft Outlook !!! Come fare? 1 - Installare il Microsoft Outlook (XP o 2003) nel proprio PC 2 - Installare (nel caso specifico del Nokia) il programma Nokia PC Suite 3 - Sincronizzare solo la Rubrica (ovviamente dipende sempre se il cellulare Nokia è il Vostro o di un Vostro amico) del Nokia con l'Outlook, così che tutti i dati presenti nella Rubrica siano copiati nella sezione Contatti dell'Outlook 4 - Scaricare l'ultima versione del BlackBerry Desktop Manager (se il pacchetto è quello Vodafone, la versione sul CD non è mo

Joomla! - Mettere la testata in Stampa

Come è noto Joomla! è uno dei più usati CMS (Content Managment System) che consente di avere un ambiente (environment) sul quale costruire e sviluppare siti e portali. Uno dei problemi più noti è quello di poter inserire la testata nel file da stampare. Ad esempio se il mio sito si chiama dicecca.net - Blog ed ha un logo particolare che voglio pubblicare come testata, nella conformazione classica, non posso farlo. Come risolvere? Premesso che tutto il sistema è scritto in linguaggio PHP, il file che viene chiamato in causa è component.php che si trova nella cartella /[sito (1)] /templates/system Il file ( che è possibile scaricare qui in formato testo ), alla riga 40 inizia il Body del testo. Alla riga 41 inizia l'inclusione del testo dell'articolo che si è deciso di stampare, che a sua volta viene aperto in una finestra popup. Dando un taso invio, dalla riga 41 è possibile inserire il riferimento ad una immagine e/o un formattato HTML della testata del nos