Passa ai contenuti principali

Windows 11 - Creare il supporto di installazione per i vecchi PC senza le specifiche richieste



Nel Post Windows 11 - Creare il supporto installazione compatibile anche con i vecchi computer non TPM 2.0 del 02 ottobre 2021, analizzai come fare un dispositivo per l'installazione di Windows 11 senza le specifiche stringenti che Microsoft richiede per installare il nuovo sistema operativo.

La stessa Microsoft, a dire il vero, ha rilasciato come aggirare alcune specifiche che abbiamo trattato nel post Windows 11 - Aggiornare Windows 10 a Windows 11 su un PC senza specifiche minime a circa 1 anno di distanza dal post precedente.

Perché tornare su Windows 11 ancora una volta per i vecchi PC?

Perché sono cambiate alcune cose e val la pena affrontare il discorso in chiave più contemporanea.


PC vecchi, ma alcuni solo di età

Questo paragrafo è tranquillamente bypassabile, ma c'è alla base un dettaglio che mi piace condividere con Voi lettori.

Negli ultimi 30 anni circa, ovvero dai tempi di Windows 3.1, l'evoluzione dell'hardware e software sono proceduti di pari passo, e l'integrazione prima su single core e dopo sul multicore hanno portato allo sviluppo di software, in particolare dei Sistemi Operativi, ad adattarsi al multicore.

La differenza che esisteva anni fa in relazione alla struttura hardware delle macchine, fino al mitologico Windows XP, variava di anno in anno e di generazione in generazione.

Esempi classici sono stati i PC con processore i486 DX / DX2 fino ai Pentium 4

Ogni evoluzione (parliamo di single core) aveva un Sistema Operativo e funzionalità in particolari grafiche, sempre più avanzate, tanto da rendere la TV obsoleta e rendere ad esempio i videoregistratori oggetti di modernariato post industriale.

I processori multicore dagli Intel Duo agli attuali i9 e Xeon, hanno iniziato ad appiattire la curva prestazioni/necessità, ad una drammatica linea tangente agli assi cartesiani.

In buona sostanza ci sono macchine estremamente potenti in giro che nessuno userà mai (inteso come end user, non specialisti), perché il mercato si è voltato a tecnologie avanzate simil-tostapane degli smartphone e tablet, che lasciano poco spazio alla "smanettosità" degli utenti, ma li relega a semplici utenti che, usano e cambiano lo smartphone come se fosse, appunto, un tostapane.

Il PC che per circa un ventennio aveva preso ampio spazio, è tornato ad essere un "totem astruso" per specialisti, come di fatto lo era nei tempi andanti: si usa in ufficio!!!

Infatti i mercati registrano, ad oggi, un calo importante delle vendite di PC poiché, come appena detto, il mercato, gli utenti, sono più orientati a smartphone/tablet che hanno un loro ecosistema (dal mio punto di vista estremamente ridotto) che però piace, perché rende l'oggetto simile ad un tostapane che se non funziona può essere cambiato facilmente (certo non agli stessi prezzi del tostapane).

In quest'ottica, però, definire un PC pure con 8 - 10 anni di età, perfettamente funzionante con processori di fascia alta (penso ad i3, i5, i7, Xeon, ecc....) ma di prime generazioni (oggi di parla di i7 di 12a generazione ad esempio) con controparti hardware importanti (da 4 a 32GB e più) non adatti perché manca un TPM 2.0, un avvio protetto, un processore non dell'ultima generazione, forse diventa fuori luogo (che per carità sono utili ed importanti).

Cioè definiamo un PC vecchio per qualcosa che in fin dei conti va fin troppo bene per la maggior parte degli utenti che usa questi "totem astrusi" come entertainment (se va bene)

A conclusione di questo "sfogo" va detto che ci troviamo davanti due grossi problemi in questo tempo: il primo è il climate change, e che un'economia circolare, forse sarebbe opportuna e non possiamo definire vecchio qualcosa che ancora funziona perfettamente per gli scopi; il secondo è il costo in termini sia ambientali che economici nell'accaparramento delle cosiddette terre rare che servono per la produzione di microprocessori, di cui oggi c'è penuria per molte ragioni compresa l'attuale insensata guerra in Ucraina

Personalmente ho ancora dei PC con Windows XP che uso per quel poco che possono ancora fare, ma sono ancora super efficienti e super funzionali.

Nell'ultimo post che feci per Windows XP per collegarlo a Windows 11 Pro in Desktop Remoto (neanche David Carson in Star Trek Generazioni riuscì a fare meglio) concludo riprendendo questo pensiero:

In giro ci sono ancora moltissimi utenti che hanno negli armadi macchine di quel periodo (parliamo del 2008 in poi), che spesso, al netto di una batteria, facilmente trovabile su Amazon o eBay, possono ancora essere usati come macchine da lavoro remoto con somma gioia dell'ambiente e di tutto ciò che fa green, poiché non si butta, tutto sommato, niente e si favorisce l'economia circolare.

Non solo, ma spesso abbiamo anche comprato licenze originali di programmi (ad esempio Office XP, oppure 2003 o 2007, oppure ancora Photoshop o Acrobat, ecc) che sono ancora lì che funzionano per quello che serve (ricorda sempre: che quello che fai, con l'ultima versione di un programma, lo facevi anche con versioni precedenti...)


Facciamo la penna USB per Windows 11

Sempre su GitHub troviamo il seguente link (clicca qui), che è lo stesso descritto nel precedente post specifico, ma con altri aggiornamenti per le ultime versioni.

Scarichiamo il pacchetto Zip e scompattiamo sul nostro PC



A questo punto mettiamo una penna USB nel PC e facciamo partire il programma 

MediaCreationTool.bat

avremo:


Ovviamente clicchiamo su 11




Scegliamo  Auto USB 

A questo punto il sistema (la Power Shell) carica il programma di avviamento del media creator di Windows, quindi:





Scegliamo la memoria H da 32GB (che è una penna USB) e poi Avanti


Ci impiegherà un po'....

A questo punto il programma farà una serie di cose che non richiedono la nostra attenzione, ma che riporto per dovere di cronaca





A questo punto la penna è pronta e si deve solo inserire nel PC e farlo partire, come sempre si fa in questi casi.


La penna sì fatta, consente di installare da 0 un Windows 11 su un PC che non risponde alle specifiche.


Analogamente, nell'immagine



Se clicchiamo Auto Upgrade, come abbiamo visto nel post Windows 11 - Aggiornare Windows 10 a Windows 11 su un PC senza specifiche minime, il programma aggiornerà il PC a Windows 11 bypassando tutte le limitazioni imposte.


Commenti

Post più popolari

Mac OS X - Installare ed usare una stampante sul Print Server GetNet 3 Port 2 USB e 1 LPT

Abbiamo visto come installare il Print Server GetNet 3 in 1 sui più diffusi sistemi operativi Windows (vedi articoli correlati in fondo al post). La "scatoletta" ha anche un protocollo di comunicazione Apple Talk, quindi può essere collegata (fare da tramite) anche a stampanti che abbiano la gestione post script integrata (quasi tutte le stampanti salvo quelle del gruppo Ricoh che hanno bisogno di un apposito moduol installato) sul Mac. Print Server GetNet 1 Parallela e 2 USB Il metodo di installazione è molto simile a quello visto su Windows, con la differenza sostanziale che non è necessario scegliere tra moltissimi modelli, ma si gestisce in modo più semplice. Purtroppo sul Mac non è possibile (allo stato attuale) collegare print server di tipo TP-Link, ovvero replicatori di porta USB su Lan, in quanto non esiste un driver adatto. Detto questo, consideriamo la stampante che vogliamo collegare al Mac. Il caso che abbiamo usato nei precedenti post,

BlackBerry - Importare i dati da altri cellulari

English translated post Un amico mi porta un BlackBerry Pearl 8110 e mi chiede di trasferire i dati dal suo cellulare Nokia a questo telefono. Premesso che personalmente non ho mai reputato il BlackBerry un telefono "semplice", l'operazione si è reputata piuttosto complessa. Scartata l'idea di mandare i vcard via bluetooth (come si fa con quasi tutti i Nokia e Samsung), l'unica alternativa è quella di appoggiarsi a Microsoft Outlook !!! Come fare? 1 - Installare il Microsoft Outlook (XP o 2003) nel proprio PC 2 - Installare (nel caso specifico del Nokia) il programma Nokia PC Suite 3 - Sincronizzare solo la Rubrica (ovviamente dipende sempre se il cellulare Nokia è il Vostro o di un Vostro amico) del Nokia con l'Outlook, così che tutti i dati presenti nella Rubrica siano copiati nella sezione Contatti dell'Outlook 4 - Scaricare l'ultima versione del BlackBerry Desktop Manager (se il pacchetto è quello Vodafone, la versione sul CD non è mo

Joomla! - Mettere la testata in Stampa

Come è noto Joomla! è uno dei più usati CMS (Content Managment System) che consente di avere un ambiente (environment) sul quale costruire e sviluppare siti e portali. Uno dei problemi più noti è quello di poter inserire la testata nel file da stampare. Ad esempio se il mio sito si chiama dicecca.net - Blog ed ha un logo particolare che voglio pubblicare come testata, nella conformazione classica, non posso farlo. Come risolvere? Premesso che tutto il sistema è scritto in linguaggio PHP, il file che viene chiamato in causa è component.php che si trova nella cartella /[sito (1)] /templates/system Il file ( che è possibile scaricare qui in formato testo ), alla riga 40 inizia il Body del testo. Alla riga 41 inizia l'inclusione del testo dell'articolo che si è deciso di stampare, che a sua volta viene aperto in una finestra popup. Dando un taso invio, dalla riga 41 è possibile inserire il riferimento ad una immagine e/o un formattato HTML della testata del nos